A cavallo dello spartiacque appenninico è situata la terra mugellana, vissuta per secoli all’ombra del respiro della città di Firenze. Terra toscana ricca di storia e di testimonianze artistiche e soprattutto terra di ambienti diversi dall'aspra bellezza delle valli dell'Alto Mugello o Toscana Romagna - selvaggia e poco popolata alle dolci linee dell'aperta conca punteggiata di borghi del Mugello.
Terra appenninica bella e intima, coperta sui crinali dalla marea verde di boschi di faggio, castagno e quercio, coltivata in valle a seminativo come armonioso mosaico, attraversata dal fiume Sieve, fiume che sembra prender vita dal grande lago artificiale del Bilancino.
Il viaggiatore potrà calcare a piedi, in bicicletta, a cavallo i resti di una viabilità che ignorava la ruota oppure praticare il golf, la canoa, il tiro con l'arco, la pesca sportiva per godere appieno del proprio tempo libero.
Il Mugello si raggiunge facilmente con l'Autostrada A1 uscendo al casello di Barberino del Mugello; numerose e interessanti sono le strade statali e locali provenienti dalla Toscana e dall'Emilia Romagna. Il vecchio e affascinante tracciato ferroviario della Faentina consente di accedere al territorio del Mugello sia dal versante romagnolo, partendo da Faenza, sia dal versante toscano partendo da Firenze. Alcune linee di trasporto pubblico locale permetteranno gli spostamenti all'interno dell'area. La famiglia dei Medici originaria di questa terra fece qui costruire palazzi, castelli e conventi dove Lorenzo il Magnifico fuggiva la "res pubblica" per rifugiarsi nella quiete dei campi. Sentiva il richiamo della natura e della terra e qui giocava, festeggiava, riscopriva la gioia, la bellezza, la vita.
Il viaggiatore del 2000 potrà come Il Magnifico allontanarsi dallo stress della città e della vita quotidiana approfittando dell'ospitalità offerta nelle fresche case coloniche restaurate con gusto mirabile, nei borghetti prima abbandonati e ora tornati a nuova vita, nelle ville e palazzi dove hanno dimorato nobili famiglie fiorentine.